sunshine-blogger-award

SUNSHINE BLOGGER AWARD 2021

È successo di nuovo! Siamo stati nominati per il Sunshine Blogger Award 2021!

La nomination arriva da parte di Simona e Domenico, due simpaticissimi blogger marchigiani che stimiamo davvero tanto, conosciuti grazie a Instagram e protagonisti del blog USA LA VALIGIA.

Grandissimi appassionati di viaggi, ma soprattutto degli Stati Uniti d’America, ci fanno letteralmente sognare con i loro diari di viaggio e le loro curiosità sugli States. 

Affermano “Quando siamo in viaggio riusciamo a trovare la nostra vera essenza: ci sentiamo liberi, vivi, felici”… e noi non possiamo che condividere in pieno questa loro affermazione!

Li ringraziamo di cuore per la stima e per aver pensato a noi per questo riconoscimento.

 

MA COS’È E COME FUNZIONA IL SUNSHINE BLOGGER AWARD?

Il Sunshine Blogger Award è un riconoscimento virtuale che si tramanda da blogger a blogger con cadenza annuale e si assegna a coloro che si sono dimostrati una fonte di ispirazione e creatività.

E pensare di esserlo stato per qualcuno ci riempie di soddisfazione e ci sprona a fare sempre meglio.

Dopo aver ricevuto la nomination, partecipare è semplice. Basta:

  • spiegare cos’è e come funziona il Sunshine Blogger Award, includendo le regole e l’immagine del logo nel proprio articolo
  • ringraziare il blogger che ci ha nominato indicando il link al suo blog
  • rispondere alle domande che ci ha posto
  • nominare altri blogger indicando il link al loro blog e porre loro delle nuove domande 

Semplice no? Allora cominciamo…

 

LE NOSTRE RISPOSTE ALLE DOMANDE DI SIMONA E DOMENICO

  1. Qual è stato il viaggio che ti ha segnato/insegnato di più?

Non abbiamo alcun dubbio: la Route 66. E non solo per quello che rappresenta nell’immaginario collettivo, ma per le infinite emozioni che ci ha trasmesso a ogni singolo centimetro percorso. 

Diciamo sempre che la Route 66 è un Viaggio nel Viaggio. Attraversi tante cittadine, città e poi Stati, ognuno dei quali ti lascia un proprio bagaglio di profumi, sapori, colori, sorrisi e storie delle persone incontrate lungo il percorso.

Un Viaggio dove ti ritrovi a immaginare e a cercare di visualizzare come doveva essere la Route 66 nei suoi anni d’oro e dove ti ritrovi a viverla nel suo stato attuale, con la modernità che ha preso il sopravvento e tutte le difficoltà delle piccole realtà che si incontrano sulla Via.

E poi per noi è stato il primo vero On The Road fatto in 3, con Alessandro che aveva da poco compiuto 3 anni! Un bel banco di prova, no!?

Route 66 Pontiac

 

  1. Qual è il viaggio che non rifaresti?

Rifaremmo ogni singolo viaggio, nessuno escluso. 

Ecco se proprio dovessimo trovare una meta dalla quale ci aspettavamo qualcosina in più, quella sarebbe Los Angeles

Bella, ma, ai nostri occhi, dispersiva e tanto caotica. 

Alcuni quartieri ci sono piaciuti, altri li abbiamo trovati molto meno curati. 

Peccato, perché le nostre aspettative, per quello che ci era stato raccontato e per quello che sentiamo sempre dire, erano davvero alte. 

Ciò non toglie che se dovessimo ritornare in California, torneremmo sicuramente per visitare quello che non abbiamo fatto in tempo a vedere e darle un’altra possibilità.

 

  1. Hai mai incontrato persone in viaggio con le quali sei rimasto in contatto? 

Sì e la storia ha quasi dell’incredibile. 

Lungo la Route 66 abbiamo incontrato una coppia italiana al Launchpad Pad Drive In a Wilmington in Illinois scambiandoci saluti e prime impressioni. 

Li abbiamo incontrati nuovamente al Pops 66 ad Arcadia in Oklahoma, per poi ritrovarci casualmente nello stesso hotel ad Amarillo. A quel punto siamo andati a cena insieme al The Big Texan Steak Ranch.

Da qui, visti i diversi piani di viaggio, ci siamo dati appuntamento al Molo di Santa Monica per una foto tutti insieme alla fine della Route 66. 

La cosa che ha dell’incredibile è che questa coppia abita a 10 minuti da casa nostra! Quindi abbiamo iniziato a frequentarci anche in Italia, siamo diventati amici, Alessandro stravede per loro e abbiamo anche fatto viaggi insieme! 

Probabilmente se non ci fossimo incontrati lungo la Route 66 oggi non ci conosceremmo neanche… il bello dei Viaggi!

 

  1. Qual è il piatto più buono e quello più strano che hai assaggiato in viaggio?

Caspita, siamo tutti e 3 buone forchette, è difficile sceglierne uno più buono! 

Sul più strano, forse la Deep Dish Pizza di Chicago. Eravamo davvero scettici all’inizio sul mangiare la “pizza” in America, però l’istinto ci ha spinti a provarla e ci ha visto giusto! 

È strana, ma buonissima, e, soprattutto, non ha nulla a che vedere con la pizza come la concepiamo noi in Italia.

 

  1. Qual è la più grande pazzia che hai fatto in viaggio?

Il TILT a Chicago! 

La piattaforma in vetro del John Hancock Center a 300 m di altezza che si inclina sulla città, vale come pazzia???

 

  1. Mai avuto un imprevisto in viaggio? Se sì, panico o sangue freddo?

Piccoli imprevisti ne capitano sempre. 

Abbiamo avuto un unico grosso imprevisto in Arizona, sulla Indian Route 7, di ritorno dal Canyon de Chelly. 

Territorio arido, strada sterrata, selvaggia, ma molto spettacolare… peccato che a un certo punto ci ritroviamo una piscina di fango davanti, una macchina fuori strada e la nostra auto che ha preso ad andare per i fatti suoi. 

Ancora oggi ci capita di domandarci da dove arrivasse quel fango. Ne siamo usciti grazie al sangue freddo di Claudio in versione Saetta McQueen ‘gira a destra per andare sinistra’. 

In tutto ciò Alessandro dormiva beato e si è svegliato quando tutto era finito, quindi ci siamo fatti una sana risata.

 

  1. Una meta poco conosciuta dei tuoi viaggi che vorresti far conoscere?

Grenen, in Danimarca

Un luogo unico e affascinante, dove la Natura si supera mostrando tutta la sua forza e bellezza. 

Qui il Mar Baltico e il Mare del Nord si incontrano senza mischiarsi per via della diversa salinità… osservare questo incontro-scontro è qualcosa di incredibile.

Un luogo talmente bello e magico da essere rimasto incredibilmente impresso nella mente di Alessandro capace di spiegare persino la questione della salinità!

danimarca_la forza della natura2

 

  1. Come riesci ad affrontare la mancanza dei viaggi in questo periodo?

Non è assolutamente facile essere confinati nel proprio comune senza poter viaggiare e scoprire posti nuovi, soprattutto per chi come noi è abituato a ‘prendere e andare’. 

Detto questo, ci aiutiamo con i ricordi dei viaggi passati e i progetti di viaggi futuri: guardiamo foto e documentari, con Alessandro spesso prima della nanna ci mettiamo tutti e tre nel lettone e parliamo di viaggi che ci piacerebbe fare o di episodi di viaggi fatti (questo ci aiuta anche a mantenere vivi i ricordi in Ale), progettiamo, programmiamo, creiamo nuovi itinerari e, ovviamente, scriviamo sul nostro blog

Diciamo che tutto questo è abbastanza terapeutico e ci aiuta ad affrontare questa situazione. La speranza è che questa ‘reclusione’ finisca veramente al più presto.

 

LE NOSTRE NOMINATIONS PER IL SUNSHINE BLOGGER AWARD 2021

Abbiamo pensato molto alle nostre nomination e abbiamo deciso di dare questo riconoscimento a tre travel blogger, molto diversi tra loro, ma con una cosa in comune: i loro blog sono tutti nati di recente, proprio come il nostro.

La prima nomination è per Matteo, protagonista del blog VIAGGI DI MATT

Matteo è un ragazzo veronese appassionato di storia e geografia, conosciuto su Instagram. Lo seguiamo sempre molto volentieri, perché ci porta spesso alla scoperta di luoghi poco turistici, ma davvero suggestivi e affascinanti. E noi amiamo i luoghi poco turistici e insoliti!

 

—– LEGGI QUI LE RISPOSTE DI MATTEO ALLA NOSTRA INTERVISTA —–

 

La seconda nomination è per Jennifer e Alessandro protagonisti del blog UNA VALIGIA DI FIORI

Due tree hunters sempre alla scoperta di piante e giardini particolari in giro per il mondo, ma con un occhio puntato sull’Arte, in particolare la Street Art, e sulle Degustazioni di Vini. Tutte tematiche che catturano molto la nostra attenzione!

La terza nomination è per Valentina protagonista con la sua famiglia del blog MAMMA IN CAMPER.

Appassionata di nuoto, di montagna ed escursioni all’aria aperta, ha scelto il camper come stile di vita per viaggiare in libertà seguendo solo la propria voglia di avventura. E dato che, prima o poi, siamo intenzionati a provare a viaggiare in camper, Valentina sarà sicuramente un punto di riferimento per ricevere ottimi consigli e preziose informazioni.

 

—– LEGGI QUI LE RISPOSTE DI VALENTINA ALLA NOSTRA INTERVISTA —–

 

LE NOSTRE DOMANDE PER VOI

  1. Da dove nasce la tua passione per i viaggi? 
  2. Quando e perché ti è venuta l’idea di aprire un blog di viaggi?
  3. Quando scrivi un articolo su un luogo che hai visitato, a quali aspetti e informazioni dai maggiore rilevanza?
  4. Che tipo di viaggiatore sei?
  5. Quale viaggio hai raccontato mille miliardi di volte e ogni volta ti emoziona come fosse la prima?
  6. Pensando ai luoghi che hai visitato, quale, secondo te, dovrebbe essere inserito tra i luoghi da vedere almeno una volta nella vita? 
  7. Quali differenti emozioni provi prima, durante e dopo un nuovo viaggio?
  8. Sei più vecchio stile, mappa cartacea alla mano, oppure super tecnologico, navigatore e cellulare alla mano?
  9. Qual è la prima cosa che pianifichi quando organizzi un viaggio?
  10. Di tutti i Paesi che hai visitato e conosciuto dove ti trasferiresti e perché?

 

A questo punto, a voi la parola!

 


LEGGI QUI L‘ARTICOLO DELLA NOSTRA NOMINATION AL SUNSHINE BLOGGER AWARD 2020!

 

Seguici sui Social

Visit Us On FacebookVisit Us On Instagram

Copyright © 2020 Un, due, tre, Viaggia by Alessandro, Cinzia e Claudio. All rights reserved

error: Content is protected !!